Gentoo Logo
Gentoo Spaceship

Get Started
Gentoo Handbook
Downloads

News
Security Announcements
Calendar
Infrastructure Status

Documentation
Gentoo Handbook
Featured Documentation
IBM dW/Intel article archive

Get Gentoo
Downloads
Mirrors

Community
Discussion Forums
IRC Channels
Mailing Lists
Report Issues
Planet (Blogs)
Online Package Database
Wiki
Contact Us
Sponsors

Get Involved
Report Issues
Help Wanted
Help maintaining packages
Discussion Forums
IRC Channels
Mailing Lists
Become a Developer
Offer Resources
Enhancement Proposals (GLEPs)
Source Repositories
Developer's Manual

Other
Developer List
Developer Map
Gentoo Stores
Projects

About
About Gentoo
Philosophy
Social Contract
Name and Logo Guidelines
Logos and themes
Screenshots




1.  Articoli

Alcuni sviluppatori Gentoo hanno scritto articoli per la comunità Linux. Li abbiamo pubblicati qui per convenienza.

2.  Articoli pubblicati

Articoli Gentoo

Costruire una distribuzione, Parte 1: Ognuno di noi ha una storia da raccontare sulla proria esperienza con Linux. Questa è la storia di Daniel Robbins. In questo primo di tre articoli, lui racconta di come sia diventato uno sviluppatore Stampede Linux e del perchè ha lasciato Stampede per dar vita ad una propria distribuzione chiamata Enoch.

Costruire una distribuzione, Parte 2: Nel suo precedente articolo Daniel Robbins ha raccontato la storia di come è diventato uno sviluppatore Stampede Linux e del perchè alla fine abbia lasciato Stampede per dar vita alla distribuzione Enoch. In questa seconda parte ci fa partecipi degli strani eventi che sono successi dopo che il team di sviluppo di Enoch ha scoperto un compilatore, poco conosciuto, ma molto veloce.

Costruire una distribuzione, Parte 3: Questo articolo conclude la sua storia -- riguardo a come ha ultimato la creazione della sua distribuzione, chiamata Gentoo Linux. Conclude la serie di articoli spiegando come abbandonò il mondo Linux per muoversi verso FreeBSD per poi tornare nel mondo Linux, ricominciando lo sviluppo di Gentoo Linux sotto una nuova prospettiva. Oltre che comparare Linux e FreeBSD sotto un certo numero di aspetti, descrive anche il progresso dell'attuale sviluppo di Gentoo Linux e condivide una visione futura per la distribuzione.

Imparare Linux

Bash per esempi, Parte 1: Imparando come programmare nel linguaggio di scripting bash, la vostra interazione giornaliera con Linux diventerà più divertente e produttiva, e sarete in grado di costruire, con questi standard, costrutti UNIX (come pipelines e redirezioni) che già conoscete e amate. In questa guida di tre parti, Daniel Robbins vi insegnerà come programmare in bash attraverso degli esempi. Egli tratterà le basi più elementari (rendendo questa guida eccellente per i principianti), ma anche le funzioni più avanzate, man mano che si andrà avanti.

Bash per esempi, Parte 2: Nel suo articolo introduttivo su bash, Daniel Robbins vi ha guidato in alcuni elementi fondamentali di questo linguaggio di scripting, e vi ha spiegato i motivi per cui è utile usare bash. In questa seconda parte, Daniel riparte dal punto in cui era rimasto, guardando ai costrutti fondamentali di bash, come i periodi condizionali (if-then), il looping, e altro ancora.

Bash per esempi, Parte 3: In questo articolo finale su Bash, Daniel Robbins esamina in particolare il sistema ebuild di Gentoo Linux, un eccellente esempio della potenza di bash. Passo dopo passo, egli vi mostrerà come fu implementato il sistema ebuild e vi spiegherà molte pratiche tecniche bash e strategie di strutturazione. Alla fine di questo articolo, avrete una buona conoscenza di ciò che serve a produrre un'applicazione completamente basata su bash, e potrete iniziare a scrivere il vostro sistema personale di autocompilazione.

Preparazione all'esame per la Certificazione LPI 101 (release 2), Parte 1: In questa breve guida sarà data un'introduzione su bash (la shell predefinita in Linux) al lettore, verrà mostrato come ottenere pieno vantaggio da comandi di base in Linux come ls, cp e mv, saranno spiegati gli inodes e sia hard link che link simbolici e tanto altro ancora. Alla fine di questa introduzione, il lettore avrà una base solida sui fondamenti di Linux e sarà anche pronto per iniziare ad imparare alcuni processi basilari riguardo all'amministrazione di sistemi Linux.

Preparazione all'esame per la Certificazione LPI 101 (release 2), Parte 2: In questa breve guida, il lettore imparerà come usare le espressioni regolari nella la ricerca di file per modelli di testo, come individuare file nel proprio sistema e come avere pieno controllo dei processi in Linux. Sarà data perfino una veloce introduzione alle pipeline della shell, la ridirezione e i comandi per l'elaborazione del testo. Alla fine di questa breve guida, il lettore avrà solide fondamente sulle basi dell'amministrazione in Linux e sarà pronto per iniziare ad imparare tecniche di amministrazione di sistemi Linux più avanzate nella guida che seguirà.

Preparazione all'esame per la Certificazione LPI 101 (release 2), Parte 3: In questa breve guidata sarà data una introduzione alla documentazione di sistema Linux. Verrà spiegato come cambiare permessi e come gestire gli account in Linux. Alla fine il lettore avrà imparato come raffinare il proprio sistema.

Preparazione all'esame per la Certificazione LPI 101 (release 2), Parte 4: In questa breve guida, saranno introdotti tutti i filesystem popolari in Linux. Sarà spiegato come montare e smontare dispositivi. Nel prossimo capitolo sarà illustrato come avviare il sistema e come lavorare con i runlevel. Nella prossima sezione di questa breve guida, verranno introdotte le quote su filesystem, sarà spiegato come impostarle e come configurarle. Verso la fine di questa breve guida verranno discussi i log di sistema.

Il partizionamento in azione, 1a Parte: In questa nuova serie di articoli, Daniel Robbins mostra come modificare lo schema delle partizioni di un sistema già installato. Descrive anche alcuni trucchi per minimizzare i tempi morti della macchina ed evitare gravi errori. In particolare in questo articolo spiega come spostare la cartella /home su un'altra partizione.

Il partizionamento in azione, 2a Parte: In questo secondo articolo sulla modifica dello schema delle partizioni di un sistema già funzionante, Daniel Robbins mostra come spostare le cartelle /tmp e /var su una propria partizione condivisa. Descrive anche alcuni trucchi del mestiere per minimizzare i tempi di inattività del sistema ed evitare gravi errori.

Consigli sulla progettazione delle partizioni: Organizzare le tue partizioni correttamente può essere divertente e appagante. Questa collezione di suggerimenti ti aiuteranno ad usare questi settori saggiamente.

Massimizzare la swappage (pagina di swap): Impara come aumentare le performance della swap sul tuo server Linux procedendo per gradi. L'autore, Daniel Robbins, vi mostrerà questo piccolo trucco per avere il massimo dal vostro server.

Imparare Linux LVM, Parte 1: In questo articolo, Daniel introduce il lettore ai concetti che stanno dietro a Linux LVM (Logical Volume Management) e mostra come recuperare le ultime patch per il kernel e avere gli strumenti installati sul proprio sistema. LVM permette di creare volumi logici fuori dalle risorse di memoria fisica presenti sulla macchina. Comunque, differentemente dai volumi fisici, i volumi logici possono essere espansi e ridotti mentre il sistema è in esecuzione, mettendo a disposizione degli amministratori di sistema Linux quella flessibilità di memorizzazione dei dati che fino ad oggi avevano potuto solo sognare.

Imparare Linux LVM, Parte 2: In questo articolo, Daniel condivide col lettore l'esperienza avuta spostando il filesystem in /home su cvs.gentoo.org in un volume logico LVM. Dopo il cambiamento, sono stati osservati i benefici di LVM quando la partizione in cui risiede /home su cvs.gentoo.org viene dinamicamente ridimensionata in tempo reale, senza riavviare, smontare /home, o addirittura passare al runlevel 1. Tutti i processi continuano a lavorare senza interruzioni. L'analisi dettagliata passo passo di Daniel riguardo alla conversione aiuterà chiunque sia interessato nel mettere in pratica una transizione simile sulla propria macchina.

Software RAID nel nuovo kernel Linux 2.4, Parte 1: In questa serie di due articoli riguardanti l'implementazione del Software RAID, Daniel Robins spiega la nuova tecnologia usata per migliorare le prestazioni e l'affidabilità dei dischi fissi mediante la distribuzione dei dati su più dischi. Il primo esempio riguarda l'installazione del software RAID (kernel ed installazione dei programmi aggiuntivi) e mostra come creare volumi lineari e RAID-0.

Software RAID nel nuovo kernel Linux 2.4, Parte 2: In questa serie di due articoli, Daniel Robbins introduce al RAID Software di Linux 2.4, una tecnologia usata per incrementare le prestazioni e l'affidabilità dei dischi fissi mediante la distribuzione dei dati su più dischi. In questo articolo, Daniel spiega cosa possono e non possono fare RAID-1, 4 e 5 e come trattare l'implementazione di questi livelli RAID in un ambiente di produzione. Nella seconda metà dell'articolo, Daniel accompagnerà i lettori attraverso una simulazione di sostituzione di un disco in RAID-1 guasto.

Compilare il kernel Linux: Daniel Robbins introduce il kernel Linux guidando il lettore nel reperire e scaricare i sorgenti, configurare, compilare ed installare il kernel, e configurare l'avvio di sistema.

Prompt magic: Perchè rimanere con il noioso e standard prompt di shell quando si può facilmente renderlo colorato e più utile? In questo articolo, Daniel Robbins vi mostrerà come modificare il prompt della shell come più vi piace così come aggiornare dinamicamente la barra del titolo del vostro terminale X.

OpenSSH gestione delle chiavi, Parte 1: In questo capitolo conoscerai come funzionano le autenticazioni RSA e DSA, e vedrai come impostare nel modo corretto autenticazioni senza password. Questo primo articolo della serie, di Daniel Robbins, è focalizzato sull'introduzione del protocollo di autenticazione RSA e DSA ed inoltre mostra come sia possibile farli lavorare sulla rete.

OpenSSH gestione delle chiavi, Parte 2: Molti sviluppatori utilizzano l'ottimo OpenSSh come sicuro, criptato sostituto per i vulnerabili comandi telnet e rsh. Una delle caratteristiche intriganti è quella di autenticare gli utenti utilizzando i protocolli di autenticazione RSA e DSA, i quali sono basati su di una copia di chiavi completamente numeriche. La migliore caratteristica delle autenticazioni RSA e DSA è la promessa di poter stabilire connessioni a sistemi remoti senza dover fornire la password. In questo articolo, Daniel introduce ssh-agent (una cache delle chiavi private) e keychain, uno speciale "bash script" creato per avere autenticazioni con chiavi incedibilemtenti flessibili e semplici.

OpenSSH gestione delle chiavi, Parte 3: Nel terzo articolo della serie, Daniel Robbins mostra come trarre vantaggio dall'inoltro dell'agent OpenSSH per migliorare la sicurezza. Inoltre presenta i recenti miglioramenti allo script shell keychain.

Guida alla configurazione dei filesystem avanzati, Parte 8: Con la versione 2.4 di Linux molti nuovi filesystem sono possibili, inclusi Reiserfs, XFS, GFS, ed altri. Questi file system sono spettacolari, ma cosa fanno esattamente, a cosa servono, come devono essere utilizzati esattamente con sicurezza in un ambiete produttivo? Daniel Robbins risponde a queste domande mostrando come configurare questi nuovi filesystem avanzati sotto Linux 2.4. In questo articolo, Daniel continua descrivendo ext3, una nuova versione migliorata di ext2 con possibilità di journaling. Rivela tutte le informazioni interne di ext3, e dimostra alcune ottime prestazioni con ext3 data=journal.

Articoli IBM DeveloperWorks

Firewall dinamici con iptables: I firewall sono utili e divertenti, ma che fare quando c'è bisogno di apportare cambiamenti rapidi e complessi alle regole del proprio firewall? Facile. Si utilizzino gli script dinamici per il firewall di Daniel Robbins che sono mostrati in questo articolo. Questi script possono essere utilizzati per aumentare la sicurezza e la responsività della propria rete e per ispirare le proprie configurazioni creative.

Sed per esempi, Parte 1: In questa serie di articoli, Daniel Robbins spiega come utilizzare il più potente editor di flusso presente in UNIX, sed. Sed è il tool ideale per il batch-editing dei file o per creare script shell per modificare file esistenti.

Sed per esempi, Parte 2: Sed è un potente e compatto editor di flusso. In questo articolo, il secondo della serie, Daniel mostra come eseguire la sostituzione di stringhe; come creare script sed più vasti; e usare i comandi sed accoda, inserisci e cambia riga.

Sed per esempi, Parte 3: In questa parte conclusiva della serie di articoli su sed, Daniel Robbins ci dà un vero assaggio della potenza di sed. Dopo aver introdotto una serie di utili script essenziali basati su sed, ci dimostrerà alcune modalità di scripting sed radicali convertendo un file Quicken .QIF in un formato testo leggibile. Questo script di conversione non è solamente funzionale, serve anche come esempio eccellente della potenza dello scripting con sed.

Awk per esempi, Parte 1: Awk è un linguaggio molto carino e dal nome molto strano. In questo primo articolo di una serie di tre, Daniel Robbins vi farà velocemente prendere confidenza con Awk. Nella successive puntate verranno affrontati argomenti sempre più complessi, culminando nella presentazione di un'applicazione awk del mondo reale.

Awk per esempi, Parte 2: Nella puntata successiva alla sua prima introduzione ad awk, Daniel Robbins continua ad esplorare awk, un grande linguaggio dal nome bizzarro. Daniel vi mostrerà come gestire record multiriga, come usare i costrutti iterativi, e come creare ed usare gli array. Alla fine di questo articolo, vi sarà familiare un'ampio insieme delle funzionalità di awk, e sarete in grado di scrivere di vostro pugno potenti script awk.

Awk per esempi, Parte 3: In questa conclusione alla serie su awk, Daniel Robbins presenta le importanti funzioni di awk che manipolano le stringhe, e poi mostra come scrivere un programma di estratto-conto/bilancio partendo da zero. Durante questo percorso, imparerete a scrivere vostre funzioni e ad usare gli array multidimensionali di awk. Alla fine di questo articolo, avrete ancora più esperienza con awk, che vi permetterà di scrivere script sempre più potenti.

Spiegazioni sui thread POSIX, parte 1: I thread POSIX (Portable Operating System Interface - Interfaccia Portabile al Sistema Operativo ndT) sono un ottima maniera per incrementare la reattività e le prestazioni del proprio codice. In questa serie, Daniel Robbins mostra esattamente come utilizzare i thread nel vostro codice. Verranno svelati dettagli del retroscena, cosicchè alla fine della serie sarete veramente pronti per creare il vostro programma multithread.

Spiegazioni sui thread POSIX, parte 2: I thread POSIX sono un ottima modo per incrementare la reattività e le prestazioni del vostro codice. In questo articolo, il secondo di una serie di tre, Daniel Robbins vi mostra come proteggere l'integrità delle strutture di dati condivise nel vostro codice con thread usando delle eccellenti piccole cose chiamate mutex.

Spiegazioni sui thread POSIX, parte 3: In questo articolo, l'ultimo di una serie di tre sui thread POSIX, Daniel dà una buona idea su come usare le variabili di condizione. Le variabili di condizione sono strutture di thread di POSIX che vi permettono di "risvegliare" i thread al verificarsi di certe condizioni. Potete pensare a loro come di una forma di signalling thread sicura. Daniel riempie l'articolo usando tutto quello che avete imparato fino ad adesso per sviluppare applicazioni work crew multi-thread.

Progettazione di un firewall stateful per Linux 2.4: Questa guida mostra come utilizzare netfilter per configurare un potente firewall stateful (cioè a filtraggio dinamico dei pacchetti) per Linux.

Guida alle implementazioni di filesystem avanzati: introduzione ad ext3: Con la versione 2.4 del kernel Linux furono introdotti un bel po' di nuovi filesystem tra i quali ReiserFS, XFS, JFS e altri. Questi filesystem sembrano interessanti, ma che potenzialità hanno esattamente, in che ambiti sono consigliabili, e cosa si può dire per quanto riguarda il loro uso in modo sicuro in un ambiente Linux di produzione? Daniel Robbins risponde a queste domande mostrando come usare questi nuovi filesystem di tipo avanzato sotto Linux 2.4. In questa puntata, Daniel dà uno sguardo a ext3, una nuova versione, migliorata, di ext2, che implementa il journaling.

Introduzione a Samba, Parte 1: Samba è un tool incredibile per chiunque usi sia GNU/Linux che Windows. Implementando il protocollo SMB/CIFS sotto Unix, Samba consente ai sistemi Unix di condividere le loro risorse con client Windows standard. In questo articolo introduttorio, Daniel Robbins darà un'introduzione a ciò che Samba può fare. L'attenzione sarà concentrata sui concetti chiave. (Si sarà guidati passo passo nel processo d'intstallazione nel suo articolo successivo). Alla fine di questo articolo, si avrà una buona comprensione di ciò che fa Samba e di come riesce a farlo.

Introduzione a Samba, Parte 2: Nell'articolo precedente, Daniel vi ha introddoto a ciò che può essere fatto con Samba. Adesso è il momento di renderlo funzionante nel vostro sistema. In questo articolo, affronteremo i processi di compilazione, installazione e configurazione iniziale di Samba (versione 2.0.7) per renderlo operativo nel vostro sistema.

Introduzione a Samba, Parte 3: Nei suoi articoli precedenti, Daniel Robbins vi ha guidato nella configurazione di Samba per la prima volta. Ora è tempo di configurare Samba in modo tale che faccia tutto ciò che vogliamo.

Riprogettare gentoo.org, Parte 1: la rinascita di un sito web: Vi siete mai svegliti una mattina e improvvisamente realizzare che il vostro piccolo grazioso sito web personale non è proprio bello? Se è cosi, siete in buona compagnia. In questa serie, Daniel Robbins mostra la sua esperienza nella riprogettazione del sito web www.gentoo.org usando XML, XSLT e Python. Durante la lettura, potreste trovare alcuni eccellenti approci da usare la progettazione del vostro prosimo sito web. In questo articolo, Daniel crea un piano d'azione e introduce pytex, un interprete Python integrato.

Riprogettare gentoo.org, Parte 2: la rinascita di un sito web: Vi siete mai svegliati una mattina e improvvisamente realizzare che il vostro piccolo grazioso sito web personale non è proprio bello? Se è cosi, siete in buona compagnia. In questa serie, Daniel Robbins mostra la sua esperienza nella riprogettazione del sito web www.gentoo.org usando XML, XSLT e Python. Durante la lettura, potreste trovare alcuni eccellenti approcci da usare la progettazione del vostro prossimo sito web. In questo secondo articolo, Daniel mostra il nuovo sistema per la documentazione e la nuova mailing list per i cambiamenti del CVS.

Riprogettare gentoo.org, Parte 3: la rinascita di un sito web: Vi siete mai svegliati una mattina rendendovi conto che il vostro piccolo e grazioso sito Web personale, non fosse poi un gran che? Se è così, siete in buona compagnia. In questa serie di articoli, Daniel Robbins condivide le sue esperienze con XML, XSLT e Python, usati per riprogettare il sito Web www.gentoo.org. Durante la lettura, potreste trovare alcuni ottimi spunti da utilizzare per una vostra personale riprogettazione di un sito web. In questo articolo, Daniel crea un nuovo look per tutto quanto il sito.

Riprogettare gentoo.org, Parte 4: la rinascita di un sito web: Vi siete mai svegliati una mattina rendendovi conto che il vostro piccolo e grazioso sito Web personale, non fosse poi un gran che? Se è così, siete in buona compagnia. In questa serie di articoli, Daniel Robbins condivide le sue esperienze con XML, XSLT e Python, usati per riprogettare il sito Web di Gentoo Linux. In questo articolo: Daniel completa la conversione ad XML/XSLT, sistema moltissimi bug di compatibilità con il browser Netscape 4.x ed aggiunge al sito un Changelog auto-generato.

Altri articoli

Le migliori tecniche con gli autotools: Questo articolo tratta alcuni degli errori più comuni commessi da chi utilizza gli autotools, e mostra come ottenere migliori risultati.

Guida alla stabilità hardware su Linux, Parte 1: In questo articolo, Daniel Robbins spiega come diagnosticare e sistemare CPU difettose, così come testare la tua RAM per cercare difetti. Alla fine di questo articolo, sarai in grado di assicurarti che il tuo sistema Linux sia il più stabile possibile.

Guida alla stabilità dell'hardware Linux, parte 2: In questo articolo, Daniel Robbins mostra le sue esperienze con la scheda grafica NVIDIA TNT in Linux usando i driver di NVIDIA con accelerazione. Mostrerà come diagnosticare e fissare gli IRQ e i tempi di latenza PCI -- tecniche che potrete usare sicuri di non avere blocchi, comportamenti inconsistenti e perdite di dati.


¹ File non tradotto



Aggiornato il 22 agosto 2014

Donate to support our development efforts.

Copyright 2001-2014 Gentoo Foundation, Inc. Questions, Comments? Contact us.