Gentoo Logo

Suggerimenti e trucchi per l'installazione Gentoo/x86

Indice:

1.  Introduzione

Premessa

Questo documento contiene diversi suggerimenti e trucchi per l'installazione Gentoo/x86. Molti di questi sono trattati in maniera ridotta - devono essere considerati come un'aggiunta alle istruzioni di installazione, non come dei sostituti.

Contenuti

Installazione avanzata

Semplificare l'installazione

Risolvere gli errori o i problemi

2.  Installazione avanzata

Software RAID

Nota: Se non si conosce il funzionamento di un RAID software, si consiglia di leggere il Software-RAID-HOWTO

Nota: La procedura più dettagliata può essere trovata nella Guida rapida all'installazione di Gentoo Linux x86 con Software Raid e LVM2.

Dopo aver avviato il sistema dal CD di installazione, è necessario caricare i moduli appropriati. Per esempio, se si ha intenzione di usare il RAID-1:

Codice 2.1: Caricare il modulo RAID-1

# modprobe raid1

Quando si partizionano i dischi, bisogna fare attenzione che le partizioni usino fd (Linux raid autodetect) come Partition Type invece di 84 (Linux native). È possibile modificare il tipo di partizione premendo t in fdisk.

Prima di iniziare, è necessario creare i dispositivi RAID:

Codice 2.2: Creare i dispositivi RAID

# mknod /dev/md1 b 9 1
# mknod /dev/md2 b 9 2
# mknod /dev/md3 b 9 3

Dopo aver partizionato, è necessario creare il file /etc/mdadm.conf (nell'ambiente del CD di installazione) usando il comando mdadm, uno strumento avanzato di gestione RAID (ndT: link in inglese), e inserire i comandi necessari per la configurazione RAID. Per esempio, per avere la partizione di boot, swap e root in mirror (RAID-1) utilizzando /dev/sda e /dev/sdb, si può usare:

Codice 2.3: Creare i dispositivi raid con il comando mdadm

# mdadm --create --verbose /dev/md1 --level=1 --raid-devices=2 --metadata=0.90 /dev/sda1 /dev/sdb1
# mdadm --create --verbose /dev/md2 --level=1 --raid-devices=2 --metadata=0.90 /dev/sda2 /dev/sdb2
# mdadm --create --verbose /dev/md3 --level=1 --raid-devices=2 --metadata=0.90 /dev/sda3 /dev/sdb3

Importante: Non utilizzare alcuna forma di striping come RAID-0 o RAID-5 nella partizione da dove si esegue il boot. Inoltre --metadata=0.90 è necessario solo su questi filesystem critici. Altri filesystem possono utilizzare formati metadata più recenti.

Il driver del Software RAID Linux creerà i metadispositivi. Si può vedere l'avanzamento della procedura in /proc/mdstat. Prima di procedere, è necessario aspettare che i metadispositivi siano creati.

Codice 2.4: Salvare le informazioni riguardati i dispositivi creati

# mdadm --detail --scan > /etc/mdadm.conf

Da ora in avanti /dev/md1 sarà usata come partizione di boot, /dev/md2 come swap e /dev/md3 come partizione di root.

Prima di effettuare il chroot, non dimenticarsi di copiare /etc/mdadm.conf in /mnt/gentoo/etc.

Quando si configura il kernel, è necessario selezionare il supporto appropriato per il RAID compilato nel kernel e non come modulo.

Durante l'installazione di strumenti aggiuntivi, è necessario l'emerge di mdadm. Ciò non è possibile su tutti i CD di installazione e quindi, effettuando un'installazione senza rete, ci si potrebbe trovare nella situazione di non poter installare Gentoo su un Software RAID.

Quando si è giunti all'installazione del bootloader, si deve installarlo nel MBR di entrambi i dischi nel caso di un mirroring.

ATA RAID con il kernel 2.4

All'avvio del CD di installazione, utilizzare l'opzione doataraid. Dopo l'avvio, si consiglia di controllare il contenuto di /dev/ataraid. Dovrebbe contenere diverse directory disc* per ogni disco fisso utilizzato in ATA RAID. Un disco intero è indicato come disc, mentre le partizioni sono indicate come part*.

A questo punto è necessario scrivere i vari file /dev/ataraid/disc*/* dei dispositivi sui quali si vuole installare Gentoo. Si deve sostituire l'indicazione /dev/sda negli esempi dell'installazione con il percorso sopraccitato.

Prima di effettuare il chroot, eseguire il bind-mount di /dev nel nuovo ambiente:

Codice 2.5: Bind-mount di /dev

# mount --rbind /dev /mnt/gentoo/dev

Durante la configurazione del kernel, è necessario abilitare il supporto per il proprio chipset ATA RAID e le relative opzioni. Per esempio, un sistema ATA RAID comune è il Promise FastTrack built-in RAID nel cui caso sono necessarie le Promise FastTrack Options compilate nel kernel.

Quando si configura GRUB, si deve creare prima il dischetto di avvio. Non è difficile come si potrebbe credere. Seguire la normale installazione di GRUB, ma al punto di installarlo nel MBR, utilizzare le istruzioni seguenti:

Codice 2.6: Creare un dischetto di avvio di GRUB

# cd /boot/grub
# dd if=stage1 of=/dev/fd0 bs=512 count=1
# dd if=stage2 of=/dev/fd0 bs=512 seek=1

Ora bisogna scrivere il file grub.conf. Non ci sono particolari differenze con le istruzioni di installazione, si deve solo fare attenzione che l'indicazione root= punti al dispositivo ATA RAID.

Dopo aver terminato l'installazione, avviare il sistema con il dischetto di GRUB. Si presenterà il prompt dei comandi di GRUB. Ora è necessario configurarlo per avviare il sistema dal dispositivo ATA RAID.

Codice 2.7: Installare GRUB sul dispositivo ATA RAID

grub> root (hd0,x)
grub> setup (hd0)
grub> quit

Riavviare (dopo aver rimosso il dischetto di GRUB).

Gli utenti di LILO possono seguire tranquillamente le istruzioni indicate nella guida all'installazione.

Usare il kernel del CD di installazione

Se non si desidera compilare un proprio kernel è possibile utilizzare quello del CD di installazione e copiarlo nel sistema. Giunti al punto dell'installazione in cui si deve compilarlo, bisogna andare su un altro terminale premendo Alt-F2 ed effettuare il login con la password immessa ad inizio installazione.

Copiare il kernel e i moduli nel sistema Gentoo:

Codice 2.8: Copiare il kernel del CD di installazione

(${KN} è il nome del kernel, solitamente è formato da 'gentoo' o 'smp')
cdimage ~# cp /mnt/cdrom/isolinux/${KN} /mnt/cdrom/isolinux/${KN}.gz /mnt/gentoo/boot
cdimage ~# mkdir -p /mnt/gentoo/lib/modules
cdimage ~# cp -Rp /lib/modules/`uname -r` /mnt/gentoo/lib/modules

Per avere tutti i moduli necessari caricati durante il processo di boot di Gentoo, è necessario lanciare i seguenti comandi nell'ambiente in cui è stato fatto il chroot:

Codice 2.9: Aggiungere tutti i moduli avviati al file /etc/conf.d/modules

# printf "modules\"" >> /etc/conf.d/modules
# cat /proc/modules | cut -d ' ' -f 1 >> /etc/conf.d/modules
# printf "\"\n" >> /etc/conf.d/modules

Verificare che /etc/conf.d/modules sia impostato e aggiornato correttamente.

3.  Semplificare l'installazione

Abbandonare il terminale

Molte persone vogliono allontanarsi dal sistema quando esso sta compilando. In alcuni casi può risultare piuttosto difficile poichè l'installazione viene effettuata in un'ambiente pubblico dove non ci si può fidare. In questo caso, si può effettuare la compilazione in background ed uscire da tutti i terminali.

Ci sono diverse possibili soluzioni per questo. La prima è di usare screen. Dopo aver avviato il CD di installazione, impostare la password di root e avviare una sessione di screen:

Nota: Non tutti i CD di installazione contengono screen. In questo caso, si dovrà usare uno degli altri metodi indicati in questa sezione.

Codice 3.1: Avviare una sessione di screen

# screen -S gentoo

All'interno di una sessione di screen si può effettuare l'intera installazione. Quando si vuole abbandonare il terminale, premere Ctrl-a,d (cioè control e a premuti contemporaneamente, e poi d) per isolare la sessione di screen. Ora si può uscire tranquillamente dal sistema.

Per ottenere di nuovo l'accesso al terminale, effettuare il login come root e attaccarsi allla sessione avviata di screen:

Codice 3.2: Attaccarsi ad una sessione di screen

# screen -x gentoo

Se non si può usare screen, esiste ancora un modo per abbandonare il terminale. Installare il sistema secondo le normali istruzioni di installazione, ma giunti al punto dove sta per essere eseguita una lunga compilazione (per esempio ./scripts/bootstrap.sh), usare nohup che permette che un processo continui anche quando si effettua il logout. Non dimenticare l' "&" finale, altrimenti il processo non sarà posto in background! E' necessario ricordare il percorso attuale (individuabile con il comando pwd) perchè servirà successivamente.

Codice 3.3: Usare nohup

# pwd
/usr/portage
# nohup ./scripts/bootstrap.sh &

A questo punto uscire (exit) dall'ambiente in cui si è effettuato il chroot e dalla sessione del CD di installazione. La compilazione continuerà in background.

Per controllare la compilazione, effettuare il login come root (nel CD di installazione) ed effettuare il chroot nell'ambiente precedente; quindi recarsi nella directory da dove è stato fatto il logout:

Codice 3.4: Effettuare il chroot nell'ambiente precedente

# chroot /mnt/gentoo /bin/bash
# env-update && source /etc/profile
# cd /usr/portage

Ora usare il comando less sul file nohup.out situato in questa directory. La compilazione inserisce il suo output in questo file, così se si vuole controllare l'avanzamento, si può digitare less nohup.out e premere F per seguire i cambiamenti. Quando la compilazione è terminata, si può continuare al passo successivo delle istruzioni di installazione.

Se non si desidera più seguire la compilazione, premere Ctrl-C seguito da q. Questa sequenza non bloccherà il processo di compilazione, ma solo quello di less.

4.  Risolvere gli errori o i problemi

Test approfonditi dei dischi

Se è necessario controllare accuratamente il proprio disco per errori di densità (settori danneggiati e cose simili), si può usare l'opzione -c quando si installa un filesystem ext2 o ext3 (usando mke2fs). Ciò formatterà, effettuerà un test di lettura e segnerà tutti i settori danneggiati come tali. Se è necessario un test più approfondito, usare -c -c.

Codice 4.1: Controllare la densità del disco

# mke2fs -j -c /dev/sda3

Recuperare una installazione non terminata

Se per qualche motivo l'installazione di Gentoo è fallita, non è necessario ripetere tutto dall'inizio. Si può ripartire dal punto in cui si pensa di aver sbagliato (o dove le istruzioni sono errate) e tentare un approccio diverso.

Prima di tutto bisogna eseguire il chroot nell'ambiente di Gentoo e seguire semplicemente di nuovo le istruzioni, ma ignorare le parti del partizionamento essendo le partizioni già state create. Inoltre è possibile eseguire immediatamente il mount di queste partizioni su /mnt/gentoo. Ignorare inoltre l'estrazione dello stage e la modifica al file make.conf.

Una volta eseguito il chroot nell'ambiente di Gentoo, si può andare immediatamente al punto in cui si pensa di dover tentare un approccio diverso. Non è necessario rifare tutti i passaggi come il bootstrap, a meno che non si creda che sia quello il punto in cui è stato sbagliato qualcosa.

Per esempio, se si crede di aver configurato male grub.conf, modificare subito il file /boot/grub/grub.conf.

Una volta tentato un approccio differente per la situazione, bisogna considerare cos'altro bisogna modificare. Se i passaggi successivi dipendono dalla modifica eseguita, bisogna rifarli.

Per esempio,

  • se la modifica riguarda una variabile in make.conf, è necessario ricompilare poichè la compilazione dipende dalle impostazioni contenute in make.conf.
  • se la modifica riguarda /boot/grub/grub.conf si può uscire immediatamente dall'ambiente e riavviare, poichè niente altro dipende grub.conf
  • se si ha ricompilato il kernel bisogna fare attenzione che la configurazione del bootloader sia impostata sull'immagine corretta del kernel (controllare di aver montato /boot), quindi si può uscire dall'ambiente e riavviare
  • se la modifica riguarda /etc/fstab si può uscire dall'ambiente e riavviare

Come si può notare, per la maggior parte delle operazioni di recupero si può riavviare subito. Solo in certi casi è necessario ripetere i passaggi successivi.



Stampa

Aggiornato il 30 novembre 2012

La versione originale di questo documento non è più mantenuta

Oggetto: L'installazione di Gentoo permette approcci molto differenti ai diversi metodi di installazione. Essendo quasi impossibile descrivere ogni singolo suggerimento nelle istruzioni di installazione, questo documento cerca di descrivere tutti i trucchi inviati al fine di poterli integrati nella normale procedura di installazione.

Sven Vermeulen
Autore

Xavier Neys
Redazione

Joshua Saddler
Redazione

Matteo Visconti
Traduzione

Luca Marturana
Traduzione

Andrea Perotti
Traduzione

Donate to support our development efforts.

Copyright 2001-2014 Gentoo Foundation, Inc. Questions, Comments? Contact us.