Gentoo Logo

Guida alla configurazione di GNOME

Indice:

1.  Cos'è GNOME?

Il Progetto

Il progetto GNOME è un progetto open source dedicato allo sviluppo di GNOME, un insieme di programmi per il desktop ed una piattaforma di sviluppo per Unix/Linux. La Fondazione GNOME coordinata lo sviluppo e gli altri aspetti del progetto GNOME.

Il Software

GNOME è sia un Ambiente Desktop che una piattaforma di sviluppo. Questa porzione di software libero incontra la scelta di molte aziende importanti. E allo stesso tempo riscontra l'interesse sia di utenti aziendali, sia di utenti casalinghi, nonché ovviamente degli sviluppatori.

La Comunità

Come avviene per ogni grande progetto open source, GNOME trova un uso molto esteso sia tra gli utenti che tra gli sviluppatori. Footnotes contiene le novità di GNOME Desktop per gli utenti; GnomePlanet è dedicato agli hacker/contributori mentre Developer.Gnome.Org riguarda gli sviluppatori di GNOME.

2.  Installare GNOME

Cosa serve?

Importante: Per prima cosa leggere e seguire le istruzione nella Guida alla configurazione di X server per preparare il proprio ambiente X.

Prima di installare GNOME, è consigliabile modificare la propria variabile USE. Assicurarsi che le flag X, gtk e gnome siano elencate nella variabile USE del file /etc/portage/make.conf. Se si necessita del supporto per dbus, un sistema di comunicazione tra processi che Gnome utilizza in modo estensivo, aggiungerlo alle proprie USE flags. Se non si vuole il supporto per KDE (l'altro grande ambiente desktop), rimuovere le flag qt4 e kde.

Codice 2.1: Esempio di USE flag nel file /etc/portage/make.conf

USE="-qt4 -kde X dbus gtk gnome"

Si può aggiungere la flag branding alla variabile USE per avere una schermata di benvenuto molto carina con il logo di Gentoo invece di quella predefinita di GNOME:

Codice 2.2: Abilitare il logo di Gentoo

# echo "gnome-base/gnome-session branding" >> /etc/portage/package.use

Nota: Se si utilzza il profilo desktop, queste USE flags saranno già impostate. Per controllare il profilo eseguire eselect profile list e eselect profile set <nome-profilo> come root.

Una volta fatto, si può installare GNOME effettuando l'emerge del pacchetto gnome:

Codice 2.3: Installare GNOME

# emerge gnome

Si può anche optare per una installazione minimale di GNOME effettuando l'emerge del pacchetto gnome-light. Se si sceglie questo, si avrà un'installazione di Gnome leggera senza gli strumenti addizionali che fornisce un'installazione completa di Gnome, quindi potrebbe essere necessario installare pacchetti aggiuntivi successivamente.

Codice 2.4: Installare un ambiente GNOME minimale

# emerge gnome-light

Questa operazione potrebbe richiedere parecchio tempo, perciò il consiglio è quello di cominciare a leggersi un buon libro. Una volta compiuta l'operazione è il momento di aggiornare le variabili d'ambiente:

Codice 2.5: Aggiornare le variabili d'ambiente

# env-update && source /etc/profile

Successivamente si dovranno ripulire i servizi e i gruppi utenti rimanenti.

Codice 2.6: Installazione del servizio DBUS

# /etc/init.d/dbus start
# rc-update add dbus default

Controllare che il gruppo plugdev esista. Se esiste è consigliabile aggiungere il proprio utente a quel gruppo, ma questo è opzionale (il gruppo non è più molto comune).

Codice 2.7: Controllo e aggiunta dell'utente a plugdev

~# getent group plugdev
plugdev:x:104:

# Sostituire yourUserName con il proprio nome utente ;-)
~# gpasswd -a yourUserName plugdev

Prime impressioni

Dare ora un'occhiata a quanto appena compilato. Uscire dalla shell di root e loggarsi come utente normale. Verrà configurata la propria sessione per avviare GNOME con il comando startx (vedere anche Usare startx nel documento Guida alla configurazione del Server X):

Codice 2.8: Impostare GNOME come l'ambiente desktop predefinito

$ echo "exec gnome-session" > ~/.xinitrc

A partire da gnome-base/gnome-session-2.26.2, bisognerà anteporre la variabile XDG_MENU_PREFIX per ottenere i menù di Gnome, se si sta usando la modalità di avvio del proprio desktop tramite l'impostazione del file ~/.xinitrc. (Se non si sta usando ~/.xinitrc, la variabile verrà gestita automaticamente senza l'intervento dell'utente, non è necessaria nessuna configurazione aggiuntiva.)

Codice 2.9: Anteporre XDG_MENU_PREFIX a ~/.xinitrc

$ sed -i '1i\export XDG_MENU_PREFIX=gnome-' ~/.xinitrc

A questo punto far partire l'ambiente grafico eseguendo startx:

Codice 2.10: Avviare GNOME

$ startx

Se tutto è andato per il verso giusto, verrà visualizzata la schermata di benvenuto di GNOME. Ora si vedrà come configurare GNOME a seconda delle proprie esigenze.

3.  Configurare GNOME

Il Gestore Grafico dei Login di GNOME

Se si desidera che il Display Manager di GNOME (GDM) si avvii automaticamente al boot (eseguendo quindi la fase di log-in in modalità grafica), si deve aggiungere lo script di inizializzazione xdm al runlevel di default:

Codice 3.1: Aggiungere xdm al runlevel di default

# rc-update add xdm default

Ora modificare il file /etc/conf.d/xdm e modificare la variabile DISPLAYMANAGER.

Codice 3.2: Modificare /etc/conf.d/xdm

DISPLAYMANAGER="gdm"

Se si è installato Gnome utilizzando il pacchetto gnome-light, sarà necessario installare anche gdm (poichè non è definito come parte del pacchetto gnome-light).

Codice 3.3: Installazione di gdm

# emerge gdm

Dopo il riavvio, il Display Manager di GNOME chiederà nome utente e password ed userà GNOME come Ambiente Desktop predefinito (naturalmente lasciando sempre all'utente la possibilità di sceglierne un altro tra quelli disponibili in /usr/share/xsessions/). Pertanto, se si usa GDM, non è necessario modificare ~/.xinitrc.



Stampa

Aggiornato il 24 luglio 2012

La versione originale di questo documento non è più mantenuta

Oggetto: GNOME è un ambiente desktop usato frequentemente. Questa guida cercherà di descrivere tutti gli aspetti di GNOME, inclusa l'installazione, la configurazione, l'uso, ...

Sven Vermeulen
Autore

Lars Strojny
Redazione

Joshua Saddler
Redazione

Ludovico Poggioli
Traduzione

Riccardo Milan
Traduzione

Donate to support our development efforts.

Copyright 2001-2014 Gentoo Foundation, Inc. Questions, Comments? Contact us.