Gentoo Logo

Disclaimer : Questo manuale è stato sostituito da una nuova versione e non è più mantenuto.


[ << ] [ < ] [ Home ] [ > ] [ >> ]


2. Avviare l'installazione con il LiveCD Universale

Indice:

2.a. Richieste Hardware

Introduzione

Prima ancora di cominciare vengono elencate le richieste hardware necessarie per installare Gentoo sulla propria macchina.

Richieste hardware

Un elenco di hardware supportato può essere trovato su PA Team website. Si possono trovare ulteriori informazioni sulla propria macchina nel Parisc-Linux Hardware Database.

Memoria 64 MB
Spazio su disco 1.5 GB (escluso lo spazio per swap)
Spazio per swap Almeno 256 MB

2.b. Il LiveCD Gentoo Universale

Introduzione

Gentoo Linux può essere installato tramite uno dei tre stage, che sono archivi compressi tar che contengono un ambiente minimale.

  • Lo stage1 non contiene niente altro che un compilatore, Portage (il sistema di gestione dei pacchetti di Gentoo) e alcuni pacchetti sui quali dipende il compilatore o Portage.
  • Lo stage2 contiene un sistema in cui si è già fatto il bootstrap, un ambiente minimale dal quale si può iniziare a compilare tutte le altre applicazioni necessarie per ottenere un ambiente completo Gentoo.
  • Lo stage3 contiene un sistema minimale già compilato, pronto da utilizzare. Mancano le applicazioni che l'utente di Gentoo deve scegliere quali sono da installare o meno.

In questo documento si opta per una installazione con lo stage3. Se si desidera effettuare una installazione Gentoo con lo stage1 o lo stage2, si devono usare le istruzioni di installazione del Manuale Gentoo. E' richiesta una connessione a Internet per questa.

LiveCD Gentoo Universale

Un LiveCD Gentoo è un CD bootabile che contiene un ambiente Gentoo autonomo. Consente di bootare Linux da CD. Durante il processo di boot viene rilevato l'hardware e vengono caricati i relativi driver. I CD vengono mantenuti dagli sviluppatori Gentoo.

Sono disponibili due LiveCD:

  • Il LiveCD Universale contiene tutto ciò di cui si ha bisogno per installare Gentoo. Fornisce uno stage3 per le architetture comuni, codici sorgenti per le applicazioni che si possono scegliere e le istruzioni di installazione per la propria architettura.
  • Il LiveCD Minimale contiene solo un ambiente minimale che permette di avviare e configurare la rete per connettersi a Internet. Non contiene ulteriori file e non può essere usato durante questo metodo di installazione.

Gentoo fornisce anche un CD di pacchetti. Non è un LiveCD, ma una risorsa ulteriore che può essere sfruttata durante una installazione di Gentoo. Contiene pacchetti precompilati (GRP) che permettono di installare facilmente e rapidamente applicazioni (come OpenOffice.org, KDE, GNOME, ...), dopo una installazione di Gentoo e prima di aggiornare il Portage tree.

L'uso del CD di pacchetti è trattato più avanti.

2.c. Scaricare, masterizzare e bootare il LiveCD Gentoo Universale

Scaricare e masterizzare il LiveCD

Si possono scaricare i LiveCD Universali (e se lo si desidera, anche il CD di pacchetti), su uno dei nostri mirror. I LiveCD sono nella directory releases/hppa/2004.3/livecd; i CD di pacchetti sono nella directory releases/hppa/2004.3/packagecd.

Dentro quella directory si troveranno file ISO. Questi sono immagini complete di CD che possono essere scritte su un CD-R.

Dopo aver scaricato il file, si può controllare l'integrità: 

  • Si può controllare il checksum MD5 e confrontarlo con quelli forniti (con il tool md5sum sotto Linux/Unix o con md5sum per Windows)
  • Si può verificare la firma crittografata che forniamo. Si deve ottenere la chiave pubblica che è usata da noi (17072058) prima di andare avanti.

Per scaricare la nostra chiave pubblica con l'applicazione GnuPG, eseguire il seguente comando:

Codice 3.1: Ottenere una chiave pubblica

$ gpg --keyserver pgp.mit.edu --recv-keys 17072058

Verificare ora la firma:

Codice 3.2: Verificare la firma crittografata

$ gpg --verify <signature file> <downloaded iso>

Per masterizzare l'immagine scelta è necessario scegliere la modalità RAW. Come impostarla dipende dal programma. Si tratteranno cdrecord e K3B: ulteriori informazioni si possono trovare sulle Gentoo FAQ.

  • Con cdrecord, scrivere semplicemente cdrecord dev=/dev/hdc <downloaded iso file> (dove /dev/hdc è la periferica del masterizzatore) seguito dal path del file ISO
  • Con K3B, selezionare Tools > CD > Burn Image. Si può individuare il file ISO nell'area 'Image to Burn'. Poi cliccare su Start.

Bootare il LiveCD Universale

Nota: Se si hanno problemi con l'avvio del LiveCD o con ogni altra modalità, leggere PA-RISC Linux Boot HOWTO.

Avviare il sistema HPPA. Durante il processo di boot, si vedrà un messaggio simile al seguente:

Codice 3.3: Messaggio di boot HPPA

Searching for Potential Boot Devices.
To terminate search, press and hold the ESCAPE key.

Quando appare questo messaggio, premere il tasto Esc fino a quando appare un menu. Questo può portare via un po' di tempo. Di default, si dovrebbe entrare nella console BOOT_ADMIN. Se non succede, ma appare un menu, scegliere Enter Boot Administration mode per entrare nella console BOOT_ADMIN. Si dovrebbe avere ora un prompt '>'.

Inserire il LiveCD di Gentoo nel CD-ROM. Se non si conosce lo SCSI ID del proprio CD-ROM, la stazione PA-RISC la cercherà con il comando search.

Codice 3.4: Cercare lo SCSI ID

> search
Searching for Devices with Bootable Media.
To terminate search, please press and hold the ESCAPE key.

La stazione PA-RISC visualizzerà ora tutte le modalità disponibili per il boot. Questo è un esempio del comando:

Codice 3.5: Modalità disponibili per il boot

Device Selection      Device Path             Device Type and Utilities
---------------------------------------------------------------------------

P0                    scsi.5.0                TOSHIBA CD-ROM XM-3301TA
                                                  IPL
P1                    scsi.2.0                COMPAQ ST32550N
                                                  IPL
P2                    lan.0010a7-06d1b6.3.6   server
                                                  IPL

Per avviare da un CD-ROM c'è bisogno del Device Path. Per esempio, se si desidera avviare dal CD-ROM TOSHIBA dell'esempio sopra, si deve digitare il seguente comando:

Codice 3.6: Avviare da un CD-ROM

> boot scsi.5.0 ipl

Trying scsi.5.0

La parola ipl (Initial Program Loader) dice a palo (il PA-RISC boot LOader) di entrare nel modo interattivo. Questo permetterà di cambiare per esempio, i parametri di avvio del kernel.

Quando il boot parte con successo, palo partirà nel modo interattivo:

Codice 3.7: Modo interattivo di PALO

Boot path initialized.
Attempting to load IPL.


Hard booted.
palo ipl 1.2 root@b180l.da-kot Tue Apr  8 12:43:07 CEST 2003

Boot image contains:
    0/vmlinux32 4028015 bytes @ 0x1520000
    0/ramdisk 834748 bytes @ 0xf800
Current command line:
0/vmlinux initrd=initrd.gz TERM=linux console=tty root=/dev/ram0 init=/linuxrc
  0: 0/vmlinux
  1: initrd=initrd.gz
  2: TERM=linux
  3: console=tty
  4: root=/dev/ram0
  5: init=/linuxrc

Edit which field?
(or 'b' to boot with this command line)? 

Questi parametri sono adatti nella maggior parte dei casi.

Se si ha bisogno di caratteristiche extra, si deve aggiungere un'appropriata keyword alla fine delle righe del comando. Per aggiungere una keyword, modificare l'ultimo campo, aggiungere uno spazio e digitarla. La sola keyword implementata è cdcache che dice al LiveCD di caricarsi nella RAM, permettendo che si smonti il CD.

Codice 3.8: Aggiungere cdcache come opzione di boot

(or 'b' to boot with this command line)? 5
init=/linuxrc cdcache

Ora che si sono ottimizzati i parametri di boot del kernel, si deve avviare.

Codice 3.9: Avviare il kernel

(or 'b' to boot with this command line)? b

Ci dovrebbe essere un prompt di root ("#") sulla attuale console e dovrebbe essere possibile passare ad altre console premendo Alt-F2, Alt-F3 e Alt-F4 e tornare alla precedente premendo Alt-F1.

Continuare ora con la Configurazione dell'Hardware Extra.

Configurazione dell'hardware extra

La maggior parte delle macchine HPPA hanno già una scheda ethernet. Sistemi più vecchi usano il driver lasi che è compilato nel kernel. Sistemi più nuovi hanno bisogno del driver tulip che è compilato come un modulo. Per usarlo, si deve caricare il driver.

Nel prossimo esempio, si cercherà di caricare il modulo tulip (supporto per certi tipi di interfacce di rete):

Codice 3.10: Caricare i moduli del kernel

# modprobe tulip

Opzionale: Account utente

Se si pensa di dare accesso ad altri al proprio ambiente di installazione o si desidera chattare usando irssi senza i privilegi root (per ragioni di sicurezza), è necessario creare gli opportuni account utente e cambiare la password di root.

Per cambiare la password di root utilizzare l'utility passwd:

Codice 3.11: Cambiare la password di root

# passwd
New password: (Inserire la nuova password)
Re-enter password: (Inserire nuovamente la nuova password)

Per creare un account utente è necessario inserire i suoi dati seguiti dalla sua password. E' possibile utilizzare useradd e passwd per farlo, come mostra il prossimo esempio in cui si crea l'utente "john".

Codice 3.12: Creare un account utente

# useradd -m -G users john
# passwd john
New password: (Inserire la password di john)
Re-enter password: (Inserire nuovamente la password di john)

E' possibile dunque cambiare utente da root al nuovo utente tramite su:

Codice 3.13: Cambiare utente

# su - john

Opzionale: Vedere la documentazione mentre si installa

Se si desidera vedere il Manuale Gentoo (da un CD o online) durante l'installazione, assicurarsi di aver creato un account di un utente (vedere Opzionale: Account utente). Poi premere Alt-F2 per andare in un nuovo terminale, e quindi fare il log in.

Se si desidera vedere la documentazione sul CD si può immediatamente eseguire links2 per leggerla:

Codice 3.14: Vedere la documentazione sul CD

# links2 /mnt/cdrom/docs/html/index.html

Tuttavia, è preferito usare il Manuale Gentoo online poichè è più recente di quello sul CD. Si può vederlo con links2, ma solo dopo avere completato il capitolo Configurazione della rete (altrimenti non si potrà andare su Internet per vedere il documento):

Codice 3.15: Vedere la documentazione online

# links2 http://www.gentoo.org/doc/en/handbook/handbook-hppa.xml

Si può tornare al terminale originale premendo Alt-F1.

Opzionale: Avviare un demone SSH

Se si desidera consentire ad altri utenti l'accesso al pc durante l'installazione di Gentoo (magari perchè qualcuno di essi potrebbe essere di aiuto o addirittura condurre personalmente l'installazione), è necessario creare un account per ciascuno di essi o condividere con loro la password di root (solo se si confida pienamente in tale utente).

Per avviare il demone SSH, eseguire il seguente comando:

Codice 3.16: Avviare il demone SSH

# /etc/init.d/sshd start

Per potere usare sshd, si deve prima impostare la rete. Continuare con il capitolo Configurazione della rete.


[ << ] [ < ] [ Home ] [ > ] [ >> ]


Stampa

Visualizza tutto

Aggiornato il 17 gennaio 2005

Questa traduzione non è più mantenuta

Oggetto: Con il LiveCD Universale si può avviare il sistema in un ambiente funzionante, che permette di installare Gentoo.

Sven Vermeulen
Autore

Daniel Robbins
Autore

Chris Houser
Autore

Jerry Alexandratos
Autore

Seemant Kulleen
Sviluppo x86

Tavis Ormandy
Sviluppo Alpha

Jason Huebel
Sviluppo AMD64

Guy Martin
Sviluppo HPPA

Pieter Van den Abeele
Sviluppo PPC

Joe Kallar
Sviluppo SPARC

John P. Davis
Redazione

Pierre-Henri Jondot
Redazione

Eric Stockbridge
Redazione

Rajiv Manglani
Redazione

Jungmin Seo
Redazione

Stoyan Zhekov
Redazione

Jared Hudson
Redazione

Colin Morey
Redazione

Jorge Paulo
Redazione

Carl Anderson
Redazione

Jon Portnoy
Redazione

Zack Gilburd
Redazione

Jack Morgan
Redazione

Benny Chuang
Redazione

Erwin
Redazione

Joshua Kinard
Redazione

Tobias Scherbaum
Redazione

Grant Goodyear
Revisione

Gerald J. Normandin Jr.
Revisione

Donnie Berkholz
Revisione

Ken Nowack
Revisione

Lars Weiler
Contributi

Marco Mascherpa
Traduzione

Stefano Rossi
Traduzione

Enrico Morelli
Traduzione

Donate to support our development efforts.

Copyright 2001-2014 Gentoo Foundation, Inc. Questions, Comments? Contact us.