Gentoo Logo

[ << ] [ < ] [ Home ] [ > ] [ >> ]


3. Configurazione della rete

Indice:

3.a. Si ha bisogno della rete?

Chi può farne a meno?

Generalmente, non è necessario avere una connesione di rete per installare Gentoo con l'InstallCD Universale o il LiveCD di installazione. Ma ci sono alcune circostanze in cui si può desiderare di avere una connessione a Internet:

  • Gli stage3 che sono nell'InstallCD di Universale non corrispondono alla propria architettura e si deve scaricare il corretto stage
  • Gli stage3 generati nel LiveCD di installazione non corrispondono alla propria architettura e si deve scaricare il corretto stage
  • Si deve installare una applicazione specifica per la rete, che permetterà la connessione a Internet, la quale non è disponibile sull'InstallCD Universale o sul LiveCD di installazione, ma è supportata dal CD (per esempio, si può connettersi a Internet con il CD di Installazione ma i sorgenti necessari non sono disponibili sul CD)
  • Si desidera assistenza remota durante una installazione (con SSH o con le conversazioni dirette con IRC)

Chi ha bisogno della rete?

Per scoprire se lo stage3 è disponibile per la propria architettura e si sta utilizzando un InstallCD Universale, si deve vedere nel /mnt/cdrom/stages e controllare se uno degli stage disponibili corrispondono alla propria architettura. Se non è così, si può ancora optare per uno stage3 di una architettura compatibile con la propria.

Lo stage3 costruito dal LiveCD di installazione x86 è ottimizzato per i686 o superiori ed utilizza NPTL. Lo stage3 costruito dal LiveCD di installazione amd64 è ottimizzato per amd64 generici ed utilizza NPTL.

Se si desidera usare uno stage3 ottimizzato per la propria architettura ma lo stage3 non è disponibile, allora si avrà bisogno della rete per scaricare lo stage3 appropriato.

Se non si ha bisogno della rete, si può saltare il resto di questo capitolo e continuare con Preparazione dei dischi. Se invece si ha bisogno di configurare la rete, continuare con la sezione sotto.

3.b. Rilevamento automatico della rete

Potrebbe già funzionare

Se il sistema è collegato ad una rete Ethernet attraverso un server DHCP, è molto probabile che la configurazione di rete sia già stata completata automaticamente. In questo caso è già possibile usufruire dei vari comandi di rete inclusi nel CD di Installazione quali ssh, scp, ping, irssi, wget, links e molti altri.

Se la rete è già stata configurata il comando /sbin/ifconfig dovrebbe elencare alcune interfacce di rete oltre a lo, come ad esempio eth0:

Codice 2.1: Output di /sbin/ifconfig per una configurazione corretta

# /sbin/ifconfig
(...)
eth0      Link encap:Ethernet  HWaddr 00:50:BA:8F:61:7A
          inet addr:192.168.0.2  Bcast:192.168.0.255  Mask:255.255.255.0
          inet6 addr: fe80::50:ba8f:617a/10 Scope:Link
          UP BROADCAST RUNNING MULTICAST  MTU:1500  Metric:1
          RX packets:1498792 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
          TX packets:1284980 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
          collisions:1984 txqueuelen:100
          RX bytes:485691215 (463.1 Mb)  TX bytes:123951388 (118.2 Mb)
          Interrupt:11 Base address:0xe800 

Opzionale: Configurare i Proxy

Se l'accesso a Internet avviene attraverso un proxy, si potrebbe aver bisogno di configurare i parametri del proxy durante l'installazione. E' molto facile definire un proxy: basta definire una variabile che contiene le informazioni del server proxy.

Nella maggior parte dei casi, si definisce la variabile usando l'hostname del server. Ad esempio, si assuma che il proxy sia chiamato proxy.gentoo.org e che la porta sia la 8080.

Codice 2.2: Definire i server proxy

(Se il proxy filtra il traffico HTTP)
# export http_proxy="http://proxy.gentoo.org:8080"
(Se il proxy filtra il traffico FTP)
# export ftp_proxy="ftp://proxy.gentoo.org:8080"
(Se il proxy filtra il traffico RSYNC)
# export RSYNC_PROXY="rsync://proxy.gentoo.org:8080"

Se il proxy richiede una username e una password, si dovrebbe usare la seguente sintassi per la variabile:

Codice 2.3: Aggiungere username/password alla variabile del proxy

http://username:password@proxy.gentoo.org:8080

Testare la Rete

Potrebbe essere utile fare il ping sul server DNS dell'ISP (si può trovare in /etc/resolv.conf) e su un sito Web a scelta, per assicurarsi che i pacchetti stiano raggiungendo la rete, che la risoluzione dei domi di dominio stia funzionando correttamente, eccetera.

Codice 2.4: Ulteriore test della rete

# ping -c 3 www.gentoo.org

La rete è funzionante? Se è così, si può saltare il resto di questa sezione e continuare con la Preparazione dei Dischi. Se non è così, purtroppo, è necessario procedere in altro modo.

3.c. Configurazione Automatica della Rete

Se la rete non funziona immediatamente, alcune modalità di installazione permettono di usare net-setup (per le reti normali o wireless) o pppoe-setup (per gli utenti ADSL) o pptp (per gli utenti PPTP, disponibile solo per sistemi x86).

Se la modalità di installazione non prevede nessuno di questi tool o la rete non funziona ancora, continuare con la Configurazione Manuale della Rete.

Default: Usare net-setup

Il modo più semplice di installare la rete se non è configurata automaticamente è eseguire lo script net-setup:

Codice 3.1: Eseguire lo script net-setup

# net-setup eth0

net-setup pone alcune domande sull'ambiente di rete. Al termine si dovrebbe avere una connessione di rete attiva. Si verifichi il collegamento. Se i test sono positivi, congratulazioni! Si è pronti per installare Gentoo. Saltare il resto di questa sezione e continuare con la Preparazione dei Dischi.

Se la rete ancora non funziona, continuare con la Configurazione Manuale della Rete.

Alternativa: Usare RP-PPPoE

Se c'è bisogno di PPPoE per connettersi a internet, il CD di Installazione (qualsiasi versione) rende le cose facili perchè include rp-pppoe. Usare lo script fornito pppoe-setup per configurare la connessione. Viene richiesto di inserire il dispositivo Ethernet che è collegato al modem adsl, lo username e la password, gli IP dei server DNS e se si ha bisogno un firewall di base o meno.

Codice 3.2: Usare rp-pppoe

# pppoe-setup
# pppoe-start

Se qualcosa andasse storto, ricontrollare di avere digitato correttamente lo username e la password controllando /etc/ppp/pap-secrets o /etc/ppp/chap-secrets e assicurarsi di stare usando il giusto dispositivo ethernet. Se il dispositivo ethernet non esiste, si deve caricare il modulo appropriato di rete. In questo caso si dovrebbe continuare con la Configurazione Manuale della Rete dove si spiega come caricare l'appropriato modulo di rete.

Se funziona tutto, continuare con la Preparazione dei Dischi.

Alternativa: Usare PPTP

Nota: PPTP è disponibile solo per architettura x86.

Se si ha bisogno del supporto PPTP, si può usare pptpclient che è fornito dai CD di Installazione. Ma prima bisogna assicurarsi che la configurazione sia corretta. Modificare /etc/ppp/pap-secrets o /etc/ppp/chap-secrets in modo che contenga la corretta combinazione username/password:

Codice 3.3: Modificare /etc/ppp/chap-secrets

# nano -w /etc/ppp/chap-secrets

Modificare se necessario /etc/ppp/options.pptp:

Codice 3.4: Modificare /etc/ppp/options.pptp

# nano -w /etc/ppp/options.pptp

Quando si è finito, eseguire pptp (con le opzioni che non si possono impostare in options.pptp) per connettere il server:

Codice 3.5: Connessione a un server dial-in

# pptp <server ip>

Ora continuare con la Preparazione dei Dischi.

3.d. Configurazione Manuale della Rete

Caricare gli Appropriati Moduli di Rete

Quando si effettua il boot con il CD di Installazione, quest'ultimo prova a rilevare tutti i dispositivi hardware e carica i moduli (driver) appropriati del kernel per supportare l'hardware. Nella grande maggioranza dei casi, l'operazione ha successo. Tuttavia, in alcuni casi, potrebbe non caricare automaticamente i moduli del kernel di cui si ha bisogno.

Se net-setup o pppoe-setup non dessero buoni risultati, si può di sicuro supporre che la scheda di rete non è stata trovata immediatamente. Ciò significa che è necessario caricare gli appropriati moduli del kernel manualmente.

Avvertenza: Alcuni CD di Installazione sono privi di supporto per i moduli. Ciò significa che tutti i driver forniti sono già stati caricati. Se la scheda non è stata rilevata è possibile segnalare un bug agli sviluppatori che aggiornaranno il CD di Installazione.

Per scoprire quali moduli del kernel sono disponibili per la rete, usare ls:

Codice 4.1: Cercare i moduli disponibili

# ls /lib/modules/`uname -r`/kernel/drivers/net

Se si trova un driver per la scheda di rete, utilizzare modprobe per caricare il modulo del kernel:

Codice 4.2: Utilizzare modprobe per caricare un modulo del kernel

(Come esempio, si carica il modulo pcnet32)
# modprobe pcnet32

Per controllare se la scheda di rete è stata rilevata, eseguire ifconfig. Una scheda di rete rilevata dovrebbe produrre un risultato simile a questo:

Codice 4.3: Test della disponibilità della scheda di rete andato a buon fine

# ifconfig eth0
eth0      Link encap:Ethernet  HWaddr FE:FD:00:00:00:00  
          BROADCAST NOARP MULTICAST  MTU:1500  Metric:1
          RX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
          TX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
          collisions:0 txqueuelen:0 
          RX bytes:0 (0.0 b)  TX bytes:0 (0.0 b)

Se invece si riceve il seguente errore, la sheda di rete non è rilevata:

Codice 4.4: Test della disponibilità della scheda di rete non andato a buon fine

# ifconfig eth0
eth0: error fetching interface information: Device not found

Se si possiedono più schede di rete nel sistema, esse vengono etichettate rispettivamente eth0, eth1, ecc. Assicurarsi che la scheda che si desidera utilizzare sia funzionante e ricordarsi di utilizzare il nome corretto nelle operazioni successive. Nel resto del documento si fa riferimento alla scheda eth0.

Una volta rilevata una scheda di rete, si può eseguire di nuovo net-setup o pppoe-setup (che adesso dovrebbero funzionare), ma per i puristi ecco come configurare la rete a mano.

Scegliere una delle seguenti sezioni a seconda della propria configurazione:

Usare un DHCP

Il DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) rende possibile ricevere automaticamente le informazioni sulla rete (indirizzo IP, netmask, indirizzo broadcast, gateway, nameserver ecc.). Funziona soltanto se si ha un server DHCP nella rete (o se il provider fornisce un servizio DHCP). Per avere una interfaccia di rete che riceva queste informazioni automaticamente, utilizzare dhcpcd:

Codice 4.5: Utilizzo di dhcpcd

# dhcpcd eth0
Alcuni amministratori di rete richiedono di utilizzare gli
hostname e nomi di dominio forniti dal server DHCP.
Nel caso utilizzare
# dhcpcd -HD eth0

Se funziona (provare a pingare alcuni server internet, come Google), allora è stato tutto configurato e si è pronti per continuare. Saltare il resto di questa sezione e continuare con la Preparazione dei Dischi.

Preparing for Wireless Access

Nota: Il supporto per il comando iwconfig è disponibile solo sui CD di Installazione x86, amd64 e ppc. E' possibile comunque mettere in funzione la periferica seguendo le istruzioni del linux-wlan-ng project.

Se si sta utilizzando una scheda wireless (802.11), potrebbe essere necessario configurare i parametri wireless prima di continuare. Per visualizzare gli attuali parametri wireless della propria scheda è possibile utilizzare iwconfig. una esecuzione di iwconfig dovrebbe produrre un risultato simile al seguente:

Codice 4.6: Visualizzazione dei parametri wireless

# iwconfig eth0
eth0      IEEE 802.11-DS  ESSID:"GentooNode"                                   
          Mode:Managed  Frequency:2.442GHz  Access Point: 00:09:5B:11:CC:F2    
          Bit Rate:11Mb/s   Tx-Power=20 dBm   Sensitivity=0/65535               
          Retry limit:16   RTS thr:off   Fragment thr:off                       
          Power Management:off                                                  
          Link Quality:25/10  Signal level:-51 dBm  Noise level:-102 dBm        
          Rx invalid nwid:5901 Rx invalid crypt:0 Rx invalid frag:0 Tx          
          excessive retries:237 Invalid misc:350282 Missed beacon:84            

Nota: Alcune schede possono avere un nome come wlan0 o ra0 invece che eth0. Eseguire iwconfig senza nessun altro parametro per determinare il nome corretto.

Per la maggior parte degli utenti sono solo due i parametri importanti da impostare, l'ESSID (il nome della rete wireless) e la chiave WEP. Se l'ESSID e l'indirizzo dell'access point visualizzati sono corretti e non si utilizza WEP, la configurazione è completa e funzionante. Se invece è necessario cambiare ESSID o aggiungere una chiave WEP è necessario eseguire i seguenti comandi:

Codice 4.7: Cambiare ESSID o aggiungere una chiave WEP

(Il comando imposta l'ESSID a "GentooNode")
# iwconfig eth0 essid GentooNode

(Imposta una chiave WEP esadecimale)
# iwconfig eth0 key 1234123412341234abcd

(Imposta una chiave ASCII preceduta da "s:")
# iwconfig eth0 key s:some-password

E' possibile ora confermare le proprie impostazioni utilizzando iwconfig. Una volta che la rete wireless è funzionante è possibile continuare a configurare le impostazioni del livello IP descritte nella sezione successiva (Terminologia di rete) o utilizzare net-setup come descritto in precedenza.

Terminologia di Rete

Nota: Se si conosce l'indirizzo IP, l'indirizzo broadcast, netmask e nameserver, allora si può saltare questa sottosezione e continuare con la sezione su come Usare ifconfig e route.

Se i tentativi precedenti falliscono, è necessario configurare la rete manualmente. Non si deve aver paura, non è difficile. Ma è necessario spiegare un po' di concetti riguardanti la rete per potere essere capaci di configurarla correttamente. Questo paragrafo illustra brevemente cosa sia un gateway, a cosa serva la netmask, come sia formato un indirizzo broadcast e perchè ci sia bisogno dei nameserver.

In una rete, gli host sono identificati dai loro indirizzi IP (indirizzi Internet Protocol). Un indirizzo è una combinazione di 4 numeri tra 0 e 255. Almeno così lo percepiamo. In realtà, un indirizzo IP consiste di 32 bits (1 e 0). Ecco un esempio:

Codice 4.8: Esempio di un indirizzo IP

IP Address (numbers):   192.168.0.2
IP Address (bits):      11000000 10101000 00000000 00000010
                        -------- -------- -------- --------
                           192      168       0        2

Un indirizzo IP deve essere unico per ogni host perchè le reti siano accessibili (in pratica tutti gli host che si possono raggiungere devono avere un indirizzo IP unico). Per potere fare una distinzione tra host dentro una rete, e host fuori una rete, l'indirizzo IP è diviso in due parti: la parte di network e la parte di host.

La separazione è demarcata tramite la netmask, un insieme di 1 seguito da un insieme di 0. La parte di IP corrispondente agli 1 è la parte di network, l'altra è la parte di host. Di solito, la netmask può essere scritta come un indirizzo IP.

Codice 4.9: Esempio della separazione network/host

IP-address:    192      168      0         2
            11000000 10101000 00000000 00000010
Netmask:    11111111 11111111 11111111 00000000
               255      255     255        0
           +--------------------------+--------+
                    Network              Host

In altre parole, 192.168.0.14 fa ancora parte della rete dell'esempio, ma 192.168.1.2 no.

L'indirizzo broadcast è un indirizzo IP con la stessa parte di network, ma con solo una parte di host. Ogni host sulla rete ascolta questo indirizzo IP. Serve per i pacchetti di broadcast.

Codice 4.10: Indirizzo broadcast

IP-address:    192      168      0         2
            11000000 10101000 00000000 00000010
Broadcast:  11000000 10101000 00000000 11111111
               192      168      0        255
           +--------------------------+--------+
                     Network             Host

Per potere navigare su internet, è necessario sapere quale host condivida la connessione a Internet. Questo host è chiamato gateway. E' un normale host ed ha un normale indirizzo IP (per esempio 192.168.0.1).

In precedenza si è detto che ogni host ha il suo indirizzo IP. Per potere raggiungere questo host tramite un nome (anzichè un indirizzo IP) è necessario un servizio che traduce un nome (come dev.gentoo.org) in un indirizzo IP (come 64.5.62.82). Questo servizio è chiamato name service. Per utilizzarlo si deve definire il nameserver in /etc/resolv.conf.

In alcuni casi, il gateway serve come nameserver. Altrimenti si dovrà inserire il nameserver fornito dall'ISP.

Per riassumere, si ha bisogno delle seguenti informazioni prima di continuare:

Elemento di rete Esempio
Indirizzo IP 192.168.0.2
Netmask 255.255.255.0
Broadcast 192.168.0.255
Gateway 192.168.0.1
Nameserver(s) 195.130.130.5, 195.130.130.133

Usare ifconfig e route

Installare la rete consiste di tre passi. Nel primo si assegna l'indirizzo IP con ifconfig. Nel secondo si configura il routing verso gateway con route. Nel terzo infine si inserisce l'IP dei nameserver in /etc/resolv.conf.

Per assegnare un indirizzo IP, si avrà bisogno dell'indirizzo IP da assegnare, dell'indirizzo broadcast e della netmask. Eseguire il seguente comando, sostituendo ${IP_ADDR} con l'indirizzo IP, ${BROADCAST} con l'indirizzo broadcast e ${NETMASK} con la netmask:

Codice 4.11: Usare ifconfig

# ifconfig eth0 ${IP_ADDR} broadcast ${BROADCAST} netmask ${NETMASK} up

Ora installare il routing con route. Sostituire ${GATEWAY} con l'indirizzo IP del gateway:

Codice 4.12: Usare route

# route add default gw ${GATEWAY}

Aprire /etc/resolv.conf con un editor qualsiasi (per esempio nano):

Codice 4.13: Creare /etc/resolv.conf

# nano -w /etc/resolv.conf

Inserire i nameserver secondo il seguente esempio. Assicurarsi di sostituire ${NAMESERVER1} e ${NAMESERVER2} con gli appropriati indirizzi dei nameserver:

Codice 4.14: Esempio di /etc/resolv.conf

nameserver ${NAMESERVER1}
nameserver ${NAMESERVER2}

Testare la rete con il ping di alcuni server Internet (come Google). Se funziona, congratulazioni, si è pronti per installare Gentoo. Continuare con la Preparazione dei Dischi.


[ << ] [ < ] [ Home ] [ > ] [ >> ]


Stampa

Visualizza tutto

Aggiornato il 10 novembre 2006

Questa traduzione non è più mantenuta

Oggetto: Se si ha bisogno delle impostazioni di rete, in questo capitolo si configura la rete e una connessione a Internet.

Sven Vermeulen
Autore

Grant Goodyear
Autore

Roy Marples
Autore

Daniel Robbins
Autore

Chris Houser
Autore

Jerry Alexandratos
Autore

Seemant Kulleen
Sviluppo x86

Tavis Ormandy
Sviluppo Alpha

Jason Huebel
Sviluppo AMD64

Guy Martin
Sviluppo HPPA

Pieter Van den Abeele
Sviluppo PPC

Joe Kallar
Sviluppo SPARC

John P. Davis
Redazione

Pierre-Henri Jondot
Redazione

Eric Stockbridge
Redazione

Rajiv Manglani
Redazione

Jungmin Seo
Redazione

Stoyan Zhekov
Redazione

Jared Hudson
Redazione

Colin Morey
Redazione

Jorge Paulo
Redazione

Carl Anderson
Redazione

Jon Portnoy
Redazione

Zack Gilburd
Redazione

Jack Morgan
Redazione

Benny Chuang
Redazione

Erwin
Redazione

Joshua Kinard
Redazione

Xavier Neys
Redazione

Gerald J. Normandin Jr.
Revisione

Donnie Berkholz
Revisione

Ken Nowack
Revisione

Lars Weiler
Redazione

Tobias Scherbaum
Redazione

Marco Mascherpa
Traduzione

Stefano Pacella
Traduzione

Enrico Morelli
Traduzione

Donate to support our development efforts.

Copyright 2001-2014 Gentoo Foundation, Inc. Questions, Comments? Contact us.