Gentoo Logo

[ << ] [ < ] [ Home ] [ > ] [ >> ]


10. Configurazione del Bootloader

Indice:

10.a. La scelta

Introduzione

Dopo aver configurato e compilato il kernel e inserito i necessari file di configurazione, è venuto il momento di installare il programma che esegue il kernel nel momento in cui si avvia il sistema. Tale programma è chiamato bootloader.

Esistono molti bootloader per Linux/Alpha. Se ne deve scegliere uno tra quelli supportati: aBoot e MILO.

10.b. Predefinito: Usare aboot

Nota: aboot supporta il boot solo da partizioni ext2 e ext3.

Come prima cosa, si installa aboot sul sistema e naturalmente si deve usare emerge:

Codice 2.1: Installare aboot

# emerge aboot

Il prossimo passo è quello di rendere avviabile il bootdisk. In questo modo, si fa partire aboot quando si avvia il sistema. Si rende avviabile il bootdisk, scrivendo il bootloader aboot all'inizio del disco.

Codice 2.2: Rendere avviabile il bootdisk

# swriteboot -f3 /dev/sda /boot/bootlx
# abootconf /dev/sda 2

Nota: Se si usa uno schema di partizioni differente rispetto a quello usato in questo capitolo, si devono cambiare i comandi. Si leggano le pagine del manuale (man 8 swriteboot e man 8 abootconf). Se la partizione root usa il filesystem JFS, assicurarsi che venga montata in sola lettura aggiungendo ro come opzione del kernel.

Anche se aboot è ora installato, dobbiamo scrivere un file di configurazione per esso. Aboot richiede solo una linea per ogni configurazione, quindi possiamo fare:

Codice 2.3: Creazione di /etc/aboot.conf

# echo '0:2/boot/vmlinux.gz root=/dev/sda2' > /etc/aboot.conf


Se durante la compilazione del kernel, hai optato per includere un initramfs all'avvio, 
sarà necessario modificare la configurazione facendo riferimento a questo initramfs e 'dire'
dove la tua reale radice è situata


# echo '0:2/boot/vmlinux.gz initrd=/boot/initramfs-genkernel-alpha-3.3.8-gentoo real_root=/dev/sda2' 
> /etc/aboot.conf

Si può avviare Gentoo anche impostando il file di configurazione di aboot ed alcune variabili di SRM. Si può provare a impostare queste variabili da Linux, ma è più facile farlo dalla console di SRM.

Codice 2.4: Avviare automaticamente Gentoo

# cd /proc/srm_environment/named_variables
# echo -n 0 > boot_osflags
# echo -n '' > boot_file
# echo -n 'BOOT' > auto_action
# echo -n 'dkc100' > bootdef_dev
(Sostituire dkc100 con il proprio dispositivo di boot)

Se in futuro si avesse bisogno di entrare di nuovo nella console di SRM (per recuperare l'installazione Gentoo, modificare alcune variabili, o altro), premere CTRL+C per uscire dal processo di caricamento automatico.

Se si sta installando tramite una console, non dimenticarsi di includere la boot flag della console in aboot.conf. Per ulteriori informazioni vedere /etc/aboot.conf.example.

Ora aboot è configurato e pronto per essere usato. Continuare con Riavviare il sistema.

10.c. Alternativa: Usare MILO

Prima di continuare, si dovrebbe decidere come usare MILO. In questa sezione, si suppone che si voglia fare un floppy di boot di MILO. Se si sta avviando il sistema da una partizione MS-DOS sull'hard disk, si dovrebbero cambiare i comandi di conseguenza.

Per installare MILO si usa emerge.

Codice 3.1: Installare MILO

# emerge milo

Dopo l'installazione, l'immagine di MILO dovrebbe essere in /opt/milo. I comandi seguenti creano un floppy di boot per MILO. Ricordarsi di usare l'immagine corretta per il proprio sistema Alpha.

Codice 3.2: Installare MILO su un floppy

(Inserire un floppy vuoto)
# fdformat /dev/fd0
# mformat a:
# mcopy /opt/milo/milo-2.4-18-gentoo-ruffian a:\milo
# mcopy /opt/milo/linload.exe a:\linload.exe
(Solo se si ha un Ruffian:
  # mcopy /opt/milo/ldmilo.exe a:\ldmilo.exe
)
# echo -ne '\125\252' | dd of=/dev/fd0 bs=1 seek=510 count=2

Il floppy di boot di MILO è ora pronto per avviare Gentoo Linux. Si potrebbe aver bisogno di impostare le variabili di ambiente nel ARCS Firmware per far partire MILO; tutto questo è spiegato nel MILO-HOWTO, con alcuni esempi su sistemi comuni e esempi sui comandi da usare in modalità interattiva.

Saltare la lettura del MILO-HOWTO è una pessima idea.

Ora continuare con Riavviare il sistema.

10.d. Riavviare il sistema

Uscire dall'ambiente in cui si è fatto il chroot e smontare tutte le partizioni montate. Poi digitare il comando reboot.

Codice 4.1: Uscire dal chroot, smontare tutte le partizioni e riavviare

# exit
cdimage ~# cd
cdimage ~# umount -l /mnt/gentoo/dev{/shm,/pts,}
cdimage ~# umount -l /mnt/gentoo{/boot,/proc,}
cdimage ~# reboot

Naturalmente non dimenticarsi di rimuovere il CD avviabile, altrimenti il CD ripartirà di nuovo invece del nuovo sistema Gentoo.

Dopo aver riavviato, finire con Termine dell'installazione Gentoo.


[ << ] [ < ] [ Home ] [ > ] [ >> ]


Stampa

Visualizza tutto

Aggiornato il 11 settembre 2012

La versione originale di questo documento è più recente ed è stata aggiornata il 17 agosto 2014

Oggetto: Esistono svariati Bootloader. Ognuno di essi viene configurato in maniera differente. In questo capitolo si descrivono le possibilità disponibili e si illustra come configurare il Bootloader secondo le proprie necessità.

Sven Vermeulen
Autore

Grant Goodyear
Autore

Roy Marples
Autore

Daniel Robbins
Autore

Chris Houser
Autore

Jerry Alexandratos
Autore

Seemant Kulleen
Sviluppo x86

Tavis Ormandy
Sviluppo Alpha

Jason Huebel
Sviluppo AMD64

Guy Martin
Sviluppo HPPA

Pieter Van den Abeele
Sviluppo PPC

Joe Kallar
Sviluppo SPARC

John P. Davis
Redazione

Pierre-Henri Jondot
Redazione

Eric Stockbridge
Redazione

Rajiv Manglani
Redazione

Jungmin Seo
Redazione

Stoyan Zhekov
Redazione

Jared Hudson
Redazione

Colin Morey
Redazione

Jorge Paulo
Redazione

Carl Anderson
Redazione

Jon Portnoy
Redazione

Zack Gilburd
Redazione

Jack Morgan
Redazione

Benny Chuang
Redazione

Erwin
Redazione

Joshua Kinard
Redazione

Tobias Scherbaum
Redazione

Xavier Neys
Redazione

Joshua Saddler
Redazione

Gerald J. Normandin Jr.
Revisione

Donnie Berkholz
Revisione

Ken Nowack
Revisione

Lars Weiler
Contributi

Marco Mascherpa
Traduzione

Stefano Pacella
Traduzione

Enrico Morelli
Traduzione

Davide Cendron
Traduzione

Sergio Vaccaro
Traduzione

Donate to support our development efforts.

Copyright 2001-2014 Gentoo Foundation, Inc. Questions, Comments? Contact us.